Pubblicità

    

 

   
La pubblicità dell' epoca, quanto di più kitsch ci potesse essere !
 

 Notare la scritta " discesa a mare", non è che ci si potesse fare il bagno durante  la sera,  ma c'era una signora (discendente dalla Corte dei Miracoli), che consegnava  un gettone che dava il diritto ad accedere ad una cabina sulla spiaggia.....immaginate  per fare che...!

   

Qui ci fù l'apoteosi della mia carriera di studente... Davanti a compagni di classe, bidelli, segretarie ed insegnanti, preside in testa, mi presi la rivincita su anni di vessazioni, puntini sospensivi, impreparati, voti da sistema binario, da frasi come......"esci fuori, tagliati i capelli, ma come cazzo vesti" ! Allora ho imparato che nella vita basta saper aspettare e prima o poi arriva il tuo momento ! Da quel giorno fui considerato un "artista" e non un "capellone"......come sono stronzi i Bagoni !!!!

   

Poi c'erano le serate "multiple", cioè un' accozzaglia di poveri cristi, che pur di suonare, accettavano (e rischiavano di essere "accettati"), di esibirsi su di un palco su cui transitavano più complessi che scarafaggi. Allora ognuno cercava di mettere sotto l'altro, altro che Colosseo, qui si cercava di sopraffare il "Culosuo" ! In 5 o 6 minuti si cercava di tirar fuori mesi di prove, repressioni Woodstockiane assopite, atteggiamenti divistici che sapevano di "O' gallo 'ncoppa a munnezza" ! Poi c'era l'annosa trattativa su chi dovesse suonare per primo: c'erano colleghi che accusavano malori, altri andavano a far la pipì ,alla fine i più stronzi  incominciavano !

   

Altra boiata dell'epoca era farsi precedere da un battage pubblicitario tipo: " reduci da....   per la prima volta........, solo per stasera "! Nessuno ci credeva ma era meglio se il manifesto indicava queste cazzate. L'unica verità era "reduci da.....", sì, perchè eravamo  proprio dei reduci. Una volta suonammo al Mondial Piper di Napoli, presentava  Silvio Noto, ebbene nonostante questi fosse un professionista della TV, ci diede l'avvio  dicendo: " Signori (rivolto al pubblico), la regia mi fa segno che siamo in onda"! Questa era la jungla in cui io e tanti altri ci siamo appesi alle liane per sopravvivere!

   

Allora anche i nomi dei gruppi seguivano le mode.  Si cambiava il nome della band   una volta al giorno, a seconda degli umori .  Questa era l'epoca delle riflessioni dantesche ! A volte, per rifarci il look, mettevamo davanti al nome "new", di new non c'era niente ma c'era tanta  "old" stronzaggine ! 

   

  ...Sui quartieri spagnoli....  L' aria condizionata non alleviava il disagio  dei femminielli"......eravamocostretti a suonare solo pezzi svelti